25 Febbraio 2024 05:54

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Escursione alla Colmen di Dazio

Condividi

colmen di dazioColmen di Dazio – È un bel promontorio ai piedi delle Alpi Retiche, posizionato al centro della bassa Valtellina davanti a Talamona: alto poco più di 900 metri, si presta a varie escursioni visti i tanti sentieri, ma meglio evitare le calde giornate estive.

In questa occasione si parte dal piccolo parcheggio nei pressi della chiesa della frazione di Paniga nel territorio di Morbegno (260 m). Dietro le abitazioni, a Nord della chiesa, si imbocca il sentiero e dopo aver percorso circa 400 metri si giunge ad un bivio dove si prende la traccia ben evidente sulla destra.

A quota 500 m ci si trova ad un secondo bivio nei pressi di un rudere, qui si continua ancora verso destra andando a percorrere il sentiero messo in sicurezza con diverse corde metalliche e molti pioli impiantati nella roccia. Si arriva quindi a Cà Molera dove l’Associazione Amici della Colmen (mantengono in ordine i sentieri della Colmen) ha costruito un piccolo e accogliente bivacco attrezzato (non ci sono posti letto).

Si continua a salire verso N-E, ogni tanto si superano altri tratti con catene per poi raggiungere un crocevia di vari sentieri (600 m) dove inizia un percorso meno impegnativo che sale lungo la Cresta Est.

Al termine di questa dorsale si giunge al punto più alto della Colmen di Dazio (916 m) con panorami sulla Media Valtellina di Sondrio e sull’Adamello, la Bassa Valtellina e il Lago di Como, e sulle dirimpettaie Alpi Orobie.

Per il ritorno si scende verso S-O fino ad un piccolo stagno dove inizia il “Sentée del Tarci” che inizialmente è abbastanza ripido poi però continua più dolcemente fino al bivio in prossimità dell’accogliente belvedere “Campo del Baladen”.

Ora percorrendo la mulattiera in direzione Est si passa per Porcido (590 m) e poi si arriva al rudere incontrato al mattino dove nei pressi del grande sasso a cuore si imbocca il sentiero che scende alla piccola frazione di Desco (300). Qui non resta che seguire la strada che permette di tornare al parcheggio di Paniga.

Percorso (E – T2) di 9,5 chilometri, dislivello positivo 720 metri.
Giorgiogemmi.it

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie