13 Aprile 2024 15:41

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Cattivo odore in lavatrice? Come eliminarlo

Condividi

Cattivo odore in lavatrice – La lavatrice può emanare un odore sgradevole quando il calcare, l’acqua ristagnante nelle tubature o i residui dei detersivi si accumulano nelle guarnizioni, influenzando anche la qualità del bucato.

Il calcare si deposita all’interno delle tubature e con il passare del tempo produce un odore acre, oltre a essere molto nocivo per l’apparecchio stesso. Per evitare sia il cattivo odore sia costi aggiuntivi di manutenzione, è consigliabile utilizzare regolarmente detersivi anticalcare.

Può anche accadere che il problema derivi dalle tubature, se lo scarico non funziona correttamente. In tal caso, per eliminarlo, è necessario prima risolvere il problema idraulico e poi eseguire un ciclo di lavaggio a vuoto con un po’ di sale grosso nel cestello, che aiuta a sgrassare le tubature.

Cattivo odore in lavatrice – Con il passare del tempo, nel cestello e nelle guarnizioni dell’apparecchio si possono accumulare residui di tessuti e di sapone e detersivi. Questo accade soprattutto con i detergenti economici che possono essere molto granulosi. In questo caso, è necessario rimuovere i residui utilizzando una spugna bagnata imbevuta di un detergente naturale, come uno sgrassatore a base di aceto o di bicarbonato.

Per prevenire odori sgradevoli nella lavatrice, è consigliabile pulire il cestello ogni mese con un spray fai-da-te composto da una soluzione di acqua con aceto, bicarbonato o limone. È utile fare un ciclo di lavaggio a vuoto, lasciare sempre la porta aperta per consentire l’areazione e, se l’acqua del comune è particolarmente dura, aumentare i lavaggi con aceto. È sempre meglio non utilizzare grandi quantità di detersivi e ammorbidenti, specialmente se sono in polvere.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile