29 Febbraio 2024 10:22

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Escursione al bivacco Alpe Piazza

Condividi

Bivacco Alpe PiazzaEscursione al bivacco Alpe Piazza

Approfittando della situazione con poca neve si sale nel Parco delle Orobie Valtellinesi e più precisamente nei territori di Rogolo e Cosio Valtellino. A Morbegno si imbocca la strada della Valgerola e dopo circa 3 chilometri si devia a destra sulla VASP che sale verso l’Alpe Tagliata tenendo però conto che bisogna pagare il ticket elettronico (il pagamento può essere effettuato entro 30 giorni dal transito registrandosi sull’apposito sito).

Generalmente si riesce a salire fino al parcheggio di “Mont del Taià” (1.160 m) da dove partono due percorsi: quello verso Ovest va ad Erdona; l’altro, in direzione S-E, porta all’Alpe Tagliata.

Ci si incammina su quest’ultimo percorrendo la mulattiera che passa nei pressi della chiesa degli Alpini e poi da un piccolo specchio d’acqua ghiacciato in località Bagni dell’Orso. La stradina sale lungo i prati e quindi si cominciano ad ammirare i panorami sulla Bassa Valtellina.

Escursione al bivacco Alpe Piazza

I primi raggi del sole illuminano il percorso che passa da Primi Masùn e poi si arriva all’ampia Alpe Tagliata (1.587 m). Qui ci si congiunge con il largo sentiero che sale da Erdona. Superate le ultime baite si prosegue sulla destra seguendo una traccia ripida fatta dai ciaspolatori e dagli sci alpinisti, e superati circa 300 metri di dislivello si giunge sul poggio dove sorge il Bivacco di Alpe Piazza dedicato al pastore Zugnoni Plinio (1.850 m).

Ci si trova nei pressi di un laghetto ghiacciato e di una croce di legno da dove si scorge il Lago di Como con a fianco il Monte Legnone. Di fronte ci sono l’imbocco della Valchiavenna e le Retiche valtellinesi con l’imponente Monte Disgrazia, verso Sud si ammira il Pizzo dei Galli e il Pizzo Olano.

Per il ritorno si segue il tratto finale della salita fino all’Alpe Tagliata dove si imbocca il percorso che scende verso N-O in una fitta abetaia raggiungendo così l’Alpe Masonaccia (1.140 m). Nella parte bassa dell’alpeggio si prosegue verso Est passando sopra le baite di Erdona e poi facendo un lungo traverso si raggiunge il punto di partenza.

Percorso (E – T2) di 11 chilometri, dislivello positivo di 830 metri.
Giorgiogemmi.it

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie