Ottobre 2, 2022 05:53

Accensione impianti di riscaldamento: nuove date e orari

Con l’abbassamento delle temperature siamo ormai vicini al momento in cui si può iniziare ad accendere il riscaldamento. Ogni località ha limitazioni specifiche per mettere in funzione l’impianto di climatizzazione invernale.

La legge che fissa le limitazioni e i criteri di utilizzo degli impianti di riscaldamento in Italia è il Decreto del Presidente della Repubblica n. 412 26 agosto 1993. In base a questa disposizione, l’Italia è divisa in sei differenti zone climatiche, ognuna delle quali con orari e periodi di accensione specifici nel corso dell’anno.

Zona A: comuni con gradi-giorno inferiori a 600;
Zona B: comuni con gradi-giorno tra 600 e 900;
Zona C: comuni con gradi-giorno tra 901 e 1400;
Zona D: comuni con gradi-giorno tra 1401 e 2100;
Zona E: comuni con gradi-giorno tra 2101 e 3000;
Zona F: comuni con gradi-giorno superiori a 3000.

La legna e il legname da evitare nel camino e nella stufa

L’accensione e lo spegnimento dei riscaldamenti può essere modificata in caso di eventi climatici straordinari da parte del sindaco del comune di competenza che può quindi fissa nuove scadenze in base alle esigenze specifiche della località.

La Valtellina ricade nelle zona E e F, nei Comuni che ricadono in quest’ultima non vi sono limitazioni nell’accensione dell’impianto di riscaldamento.

Albaredo per San Marco F
Albosaggia F
Andalo Valtellino F
Aprica F
Ardenno E
Bema F
Berbenno di Valtellina E
Bianzone E
Bormio F
Buglio in Monte F
Caiolo F
Campodolcino F
Caspoggio F
Castello dell’Acqua F
Castione Andevenno E
Cedrasco F
Cercino E
Chiavenna E
Chiesa in Valmalenco F
Chiuro E
Cino F
Civo F
Colorina F
Cosio Valtellino F
Dazio F
Delebio F
Dubino E
Faedo Valtellino F
Forcola F
Fusine F
Gerola Alta F
Gordona E
Grosio F
Grosotto F
Lanzada F
Livigno F
Lovero F
Madesimo F
Mantello E
Mazzo di Valtellina F
Mello F
Menarola F
Mese E
Montagna in Valtellina F
Morbegno F
Novate Mezzola E
Pedesina F
Piantedo E
Piateda F
Piuro E
Poggiridenti F
Ponte in Valtellina E
Postalesio F
Prata Camportaccio E
Rasura F
Rogolo F
Samolaco E
San Giacomo Filippo F
Sernio F
Sondalo F
Sondrio E
Spriana F
Talamona F
Tartano F
Teglio F
Tirano E
Torre di Santa Maria F
Tovo di Sant’Agata F
Traona E
Tresivio F
Val Masino F
Valdidentro F
Valdisotto F
Valfurva F
Verceia E
Vervio F
Villa di Chiavenna F
Villa di Tirano E

Per effetto delle disposizioni emergenziali legate al caro energia il riscaldamento potrà essere acceso solamente dopo il 22 di ottobre (lo scorso anno era il 15 ottobre), con una durata massima di 13 ore giornaliere (l’anno scorso erano 14).

L’accensione giornaliera si intende continuativa?
L’utilizzo giornaliero degli impianti di riscaldamento può essere suddiviso in due o tre sezioni orarie, purché comprese tra le 5: e le 23.

I divieti per stufe, caldaie e caminetti

Ultime Notizie