17 Aprile 2024 16:37

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Accensione riscaldamento inverno 2023-2024

Condividi

Accensione riscaldamento Accensione riscaldamento 2023-2024

Ogni località ha limitazioni specifiche per mettere in funzione l’impianto di climatizzazione invernale.

Date e fasce orarie per l’accensione degli impianti termici in relazione alla propria zona climatica di appartenenza sono contenuti nel DPR n. 74 del 2013, che individua i limiti di esercizio degli impianti termici per il riscaldamento invernale.

Per la stagione invernale 2023-24, se non verranno emanati nuovi decreti che modificheranno periodo, orari e temperature consentite, si dovrebbe tornare alle vecchie regole, mentre lo scorso anno sono state imposte disposizioni emergenziali, straordinarie ed eccezionali legate al caro energia causato dalla crisi internazionale del gas conseguente alla guerra in Ucraina.

Di conseguenza quest’anno, nella zona climatica E (prevista dal DPR n. 74 del 2013), nella quale rientrano molti comuni della provincia di Sondrio, viene previsto un orario massimo di funzionamento di 14 ore giornaliere tra il 15 ottobre 2023 e il 15 aprile 2024.

L’accensione giornaliera si intende continuativa? – L’utilizzo giornaliero degli impianti di riscaldamento può essere suddiviso in due o tre sezioni orarie, purché comprese tra le 5 e le 23.

La legge fissa le limitazioni e i criteri di utilizzo degli impianti di riscaldamento in Italia: il paese è diviso in sei differenti zone climatiche, ognuna delle quali con orari e periodi di accensione specifici nel corso dell’anno.

Zona A: comuni con gradi-giorno inferiori a 600;
Zona B: comuni con gradi-giorno tra 600 e 900;
Zona C: comuni con gradi-giorno tra 901 e 1400;
Zona D: comuni con gradi-giorno tra 1401 e 2100;
Zona E: comuni con gradi-giorno tra 2101 e 3000;
Zona F: comuni con gradi-giorno superiori a 3000.

LA LEGNA E IL LEGNAME DA EVITARE NEL CAMINO E NELLA STUFA

Accensione riscaldamento inverno 2023-2024

EVENTI PARTICOLARI – L’accensione e lo spegnimento dei riscaldamenti può essere modificata in caso di eventi climatici straordinari da parte del sindaco del comune di competenza che può quindi fissa nuove scadenze in base alle esigenze specifiche della località.

ZONA E / F – La provincia di Sondrio ricade in parte nella zona E e in parte nella zona F: nei comuni che ricadono in quest’ultima non vi sono limitazioni nell’accensione dell’impianto di riscaldamento.

Albaredo per San Marco F
Albosaggia F
Andalo Valtellino F
Aprica F
Ardenno E
Bema F
Berbenno di Valtellina E
Bianzone E
Bormio F
Buglio in Monte F
Caiolo F
Campodolcino F
Caspoggio F
Castello dell’Acqua F
Castione Andevenno E
Cedrasco F
Cercino E
Chiavenna E
Chiesa in Valmalenco F
Chiuro E
Cino F
Civo F
Colorina F
Cosio Valtellino F
Dazio F
Delebio F
Dubino E
Faedo Valtellino F
Forcola F
Fusine F
Gerola Alta F
Gordona E
Grosio F
Grosotto F
Lanzada F
Livigno F
Lovero F
Madesimo F
Mantello E
Mazzo di Valtellina F
Mello F
Menarola F
Mese E
Montagna in Valtellina F
Morbegno F
Novate Mezzola E
Pedesina F
Piantedo E
Piateda F
Piuro E
Poggiridenti F
Ponte in Valtellina E
Postalesio F
Prata Camportaccio E
Rasura F
Rogolo F
Samolaco E
San Giacomo Filippo F
Sernio F
Sondalo F
Sondrio E
Spriana F
Talamona F
Tartano F
Teglio F
Tirano E
Torre di Santa Maria F
Tovo di Sant’Agata F
Traona E
Tresivio F
Val Masino F
Valdidentro F
Valdisotto F
Valfurva F
Verceia E
Vervio F
Villa di Chiavenna F
Villa di Tirano E

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile