15 Aprile 2024 19:47

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Come difendersi dai volantini nella cassetta delle lettere

Condividi

volantini nella cassetta delle lettereVolantini nella cassetta delle lettere?

Le nostre cassette postali sono spesso invase da depliant e volantini pubblicitari, che frequentemente finiscono per terra trasportati dal vento. Oppure intasano le cassette stesse rendendo problematico separare la posta importante da quella promozionale e/o non gradita, magari finendo per cestinare o ritardare il ritiro di comunicazioni invece importanti e/o con una scadenza da rispettare.

VOLANTINAGGIO – La domanda sorge spontanea: come ci possiamo difendere dal volantinaggio, quando diventa molesto o semplicemente ci dà fastidio? Si tratta comunque di un’attività totalmente lecita, tutelata dalla legge che protegge l’iniziativa economica dei privati e non è quindi soggetta a restrizioni di sorta. I Comuni non possono, ad esempio, vietare completamente la distribuzione di materiale pubblicitario porta a porta attraverso la posta.

TAR – Nel 2017 il TAR del Piemonte ha confermato che il volantinaggio è libera e non può essere oggetto di limitazioni, impedimenti o costrizioni da parte dei Comuni, perché provvedimenti emananti in questo senso violerebbero i diritti costituzionali di libertà dell’iniziativa economica. Il volantinaggio, in sostanza secondo il TAR, non creerebbe disagi tali da rendere necessarie costrizioni e limitazioni nell’interesse della collettività.

LIMITAZIONI – Se non è possibile introdurre norme locali che limitino la pubblicità nella posta, possono però essere sanzionati gli abusi delle imprese che intasano le buche delle lettere e sporcano le strade con materiale cartaceo, peggiorando decoro e vivibilità urbana.

L’INFLAZIONE NASCOSTA

VIGILANZA – I Comuni hanno, quindi, il diritto di esercitare la vigilanza per prevenire gli effetti spiacevoli del volantinaggio senza controllo, e sanzionare i singoli abusi, colpendo i diretti responsabili e le società per cui distribuiscono volantini pubblicitari.

Come difendersi dai volantini nella cassetta delle lettere

CARTELLO NO PUBBLICITÀ – I cartelli no pubblicità o volantini posizionati sulle cassette delle lettere sono rivolti a chiunque distribuisca materiale pubblicitario e costituiscono una dichiarazione con effetti giuridici vincolanti. Chi li viola può essere querelato per violazione della privacy e per molestia e disturbo delle persone. Inoltre l’accaduto può essere segnalato al Garante della Privacy. Ci sono anche delle sentenze che hanno condannato delle aziende che non hanno rispettato questo divieto. Nella maggior parte dei casi, però, affrontare questa tipologia di causa può essere costoso e, a lungo andare, logorante.

REGISTRO OPPOSIZIONI – Un altro metodo per provare a contenere il fenomeno è l’iscrizione nel Registro delle opposizioni, comunicando il proprio indirizzo. In questo caso le aziende più responsabili (e corrette) controllano la lista dei divieti prima di inoltrare i propri messaggi pubblicitari.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile