Quale legna scalda di più e quale sporca la canna fumaria


Cosa non si deve bruciare nella stufa e nel camino?
Mobili, scarti impregnati, verniciati o rivestiti di Pvc, imballaggi in legno, se bruciati provocano nella combustione emissioni di diossine, metalli pesanti, acido cloridrico, monossido di carbonio.
Inoltre si deve usare sempre legna da ardere pulita, senza sabbia e fango che la rendono meno conveniente. Stesso discorso per legna umida o non stagionati a sufficienza, che è scura, con spaccature sul ceppo e che risponde con un suono vuoto quando viene sbattuta contro altra legna.

Legna tonda o spaccata per accendere camino e stufa?

Pellet chiaro o scuro?

Che tipologia di legno sporca le canne fumarie?
La legna, quando brucia, produce acidi, ceneri, polveri e sostanze catramose che vengono aspirati dalle canne fumarie, dove finiscono per depositarsi sotto forma di fuliggine.
Come tipo di legna con forte fumosità vanno segnalati larice, betulla e pino giallo.

Come conservare la legna

Quanta legna si consuma al giorno per riscaldare casa?

Quale legno produce più calore e scalda di più?
A sprigionare più calore sono faggio, frassino, betulla, carpine e quercia, Si possono usare anche abete, castagno, tiglio, salice, pino, ontano o pioppo, ma offrono un minore rendimento e scaldano di meno come tutta la legna dolce che si accende facilmente, ma brucia in fretta.

Legna da ardere, acquisto a peso o a volume

News su Telegram o WhatsApp

Ultime Notizie