19 Aprile 2024 01:00

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

5 modi per consumare meno pellet

Condividi

modi per consumare meno pelletModi per consumare meno pellet – Per ottimizzare l’uso del pellet e risparmiare, è fondamentale considerare vari aspetti, sia durante l’acquisto della stufa che del pellet.

Tipo di stufa a pellet Se considerate di acquistare il pellet più conveniente pensando che siano tutti simili, state commettendo un errore. In particolare, riguardo al potere calorifero, alcuni tipi di pellet sono superiori ad altri; ad esempio, un pellet di faggio è più efficiente e riscaldante rispetto a uno di abete.

Pertanto, è cruciale scegliere un pellet di alta qualità che riduce i consumi, non danneggia la stufa e ha un buon rendimento.

Livello di umidità del pellet La qualità del pellet è strettamente correlata al suo contenuto di umidità. L’umidità del pellet influisce notevolmente sulle sue prestazioni e quindi sui consumi: raccomandiamo di scegliere un pellet con un’umidità inferiore al 10%, in quanto un eccesso di umidità può causare danni all’impianto aumentando i consumi e i costi.

Modi per consumare meno pellet – Utilizzo corretto del bruciatore Come molti sanno, il momento di maggiore consumo è l’accensione. Quindi, suggeriamo di impostare il bruciatore alla massima potenza inizialmente, per riscaldare l’ambiente il più velocemente possibile, e poi ridurre la potenza, risparmiando sia pellet che energia.

Manutenzione regolare della stufa Per risparmiare, è essenziale che la manutenzione ordinaria della stufa venga eseguita con regolarità. Prevenendo possibili danni, si evitano anche malfunzionamenti nel controllo dei consumi e costi aggiuntivi.

Inoltre, pulire regolarmente la stufa dalla cenere è fondamentale per migliorarne le prestazioni.

Temperatura desiderata È importante mantenere una temperatura domestica non superiore ai 22 gradi, secondo gli esperti, indipendentemente dalla potenza necessaria per l’accensione. Questo perché un aumento della temperatura comporta un aumento del consumo e, inoltre, l’ambiente diventerebbe troppo secco e quindi dannoso per la nostra salute.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile