22 Aprile 2024 20:49

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

L’investimento nel fotovoltaico domestico: tempi di recupero economico nelle diverse zone climatiche

Condividi

impianto fotovoltaico domesticoNel cuore di un’era dove la sostenibilità si fa strada tra le priorità di ognuno, l’installazione di un impianto fotovoltaico domestico rappresenta una scelta di grande rilevanza, tanto per l’ambiente quanto per il portafogli. Ma quanto tempo è necessario per recuperare l’investimento economico iniziato? La risposta, complessa e sfaccettata, dipende da variabili quali la dimensione dell’impianto, il costo dell’energia elettrica nella propria zona, le incentivazioni statali e, non meno importante, l’ubicazione geografica dell’abitazione.

Dimensione e Costo dell’Impianto fotovoltaico domestico

Partendo da un impianto fotovoltaico domestico di medie dimensioni, inteso per una famiglia tipo di 3-4 persone, parliamo di un sistema da circa 3-4 kWp. Il costo di installazione varia notevolmente in base alla qualità dei materiali e alla complessità dell’installazione stessa, ma possiamo posizionare una stima orientativa tra i 5.000 e i 8.000 euro, post incentivi.

Consumo Energetico e Produzione

La produzione annua di un impianto da 3 kWp si attesta, in media, sui 3.500 kWh in zone moderatamente soleggiate. Assumendo un consumo medio domestico che si aggira intorno ai medesimi valori, l’impianto sarebbe in grado di coprire gran parte del fabbisogno energetico annuo di una famiglia.

Incentivi e Risparmi

Gli incentivi governativi, come il “Conto Energia” o lo sconto in fattura, possono ridurre significativamente l’onere iniziale, influenzando di conseguenza il tempo necessario per ammortizzare l’investimento. Inoltre, con l’aumento costante del prezzo dell’energia elettrica, il risparmio generato dall’autoconsumo fotovoltaico cresce anno dopo anno.

QUANTO COSTA INSTALLARE UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO?

Zone Climatiche e Recupero investimento

Il clima gioca un ruolo fondamentale nel determinare la rapidità con cui si può recuperare l’investimento in un impianto fotovoltaico. In zone altamente soleggiate, come il Sud Italia o le isole, il tempo necessario per ammortizzare l’investimento può essere inferiore a 7 anni, grazie a una produzione energetica annua significativamente più alta.

Al contrario, in zone meno favorite dal punto di vista dell’irraggiamento solare, come alcune aree del Nord Italia, il tempo di recupero si allunga, potendo arrivare fino a 10 anni. Questo, tuttavia, senza considerare l’aspetto dell’aumento del valore dell’immobile dotato di impianto fotovoltaico e i benefici ambientali, che si traducono in una riduzione delle emissioni di CO2.

Conclusione

L’installazione di un impianto fotovoltaico domestico si conferma un’investimento intelligente, sia in termini economici che ambientali. Nonostante le variabili da considerare siano molteplici, la tendenza verso un aumento dei costi dell’energia elettrica e l’offerta di soluzioni tecnologiche sempre più efficienti e accessibili, rendono l’opzione fotovoltaica sempre più allettante. Per non parlare dei benefici intangibili legati alla sostenibilità e all’indipendenza energetica, aspetti che, sebbene difficili da quantificare in termini puramente economici, rappresentano un valore aggiunto inestimabile per il futuro del nostro pianeta.

Ricordiamo che ogni caso è unico: valutare con attenzione la propria situazione personale, consultando professionisti del settore, è fondamentale per fare scelte informate e consapevoli. L’investimento nel solare fotovoltaico non è solo una questione di cifre, ma un passo verso un futuro più verde e sostenibile per tutti.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile