Storia dell’impianto idroelettrico di Premadio


Filmato sulla storia dell’impianto idroelettrico “in caverna” di Premadio, in Alta Valtellina, inaugurato nel 1956 allo scopo di soddisfare la crescente domanda energetica della città di Milano nel dopoguerra.
Si tratta di una centrale a serbatoio, che sfrutta l’alto bacino dell’Adda e dello Spöl, che alimentano il serbatoio di San Giacomo e, in cascata, il serbatoio di Cancano II. L’impianto utilizza le acque dei bacini di Cancano e San Giacomo dove sfocia il canale di gronda Gavia-Forni-Braulio, un’opera costituita da 3 tronchi in galleria per una lunghezza complessiva di 33,3 km che raccoglie le portate derivate dai torrenti Alpe, Gavia, Frodolfo, Zebrù, Braulio, Forcola e alcune immissioni minori.


Ultime Notizie