16 Aprile 2024 18:45

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Il fotovoltaico da balcone fai da te

Condividi

fotovoltaico da balcone fai da teFotovoltaico da balcone fai da te – Una soluzione sempre più richiesta per diminuire il consumo di energia elettrica in bolletta è il fotovoltaico per terrazze e balconi.

PLUG & PLAY – Di questi pannelli plug & play ne possono essere installati due per ogni unità abitativa. Si fissano al muro e si attaccano ad una spina domestica della corrente.
Basta avere, ovviamente con una buona esposizione al sole, un balcone, un muro, una ringhiera o una staccionata dove poterli ancorare e questo fotovoltaico dal basso costo potrebbe essere la soluzione che consente una corposa diminuzione del consumo di energia elettrica.

KIT FAI DA TE – Questi veri e propri kit fa da te sono ormai facilmente reperibili sia nei distributori autorizzati che in rete e di solito comprendono struttura di fissaggio, misuratore di potenza, microinverter, modulo FV fino (di solito) a 440Wp, cavo con spina schuko per il collegamento alla presa della corrente di casa. Ovviamente è bene sempre rivolgersi ad un tecnico per l’installazione.

Come sfruttare l’impianto fotovoltaico in inverno

IMPIANTO SOLARE – Il fotovoltaico plug and play è un piccolo impianto solare che si può collegare alla corrente elettrica domestica per il trasferimento diretto dell’energia all’interno dei circuiti elettrici della casa.

Fotovoltaico da balcone fai da te INSTALLAZIONE – Questo tipo di sistema solare portatile, date le sue dimensioni, si può installare in giardini, finestre, sulla facciata di casa o in terrazza e non richiede autorizzazioni particolari o permessi preventivi, a parte ovviamente rispettare le norme urbanistiche e il decoro architettonico dell’edificio: è sufficiente collegarlo ad una spina elettrica di casa e l’energia che viene prodotta dal pannello solare verrà trasferita direttamente nella rete domestica, rendendo subito disponibile l’energia prodotta.

REMUNERAZIONE – A tal fine la legge prevede che si rinunci ad essere remunerati per l’energia prodotta e immessa in rete dal micro pannello fotovoltaico, ma è obbligatorio comunicare al proprio gestore la presenza dell’impianto per eventuali verifiche sul contatore elettrico. Se avremo una sovrapproduzione di energia non utilizzata dal possessore dell’impianto, l’eccedenza viene reimmessa nella rete energetica, senza alcuna remunerazione.

RISPARMIO – I pannelli di questo tipo servono per autoprodurre energia elettrica e consentono mediamente un risparmio in bolletta del 20%.

COSTO – Il prezzo parte dai 500 euro per pannello più inverter e 100 € per l’installazione di un tecnico, ma ci sono gli incentivi statali che rimborsano il 50% della spesa effettuata con una detrazione in 10 anni in dichiarazione dei redditi.

POTENZA – La potenza massima di un pannello plug and play è di 400 W, mentre la sua vita media parte da 15 e arriva a 25 anni.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile