Novembre 26, 2022 16:19

Cambia il bonus bollette 2023, introdotta la carta risparmio spesa


Quali sono le misure adottate e i bonus finanziati dalla nuova manovra del Governo al fine di aiutare le famiglie a fronteggiare l’aumento delle spese? Si tratta di bonus bollette, carta risparmio e bonus gemelli.

Bonus bollette

Sono stati rivisti e modificati dal Governo alcuni criteri e requisiti Isee per accedere al bonus bollette, creato per contrastare l’aumento del costo di luce e gas per famiglie e imprese, e prorogato per il primo trimestre 2023 dalla manovra.

Il bonus consiste fondamentalmente in uno sconto, una riduzione delle bollette relative a gas e luce per famiglie in condizioni di disagio fisico ed economico, che coinvolge ora almeno 30 milioni di utenze domestiche.

Bollette morose: cosa succede dopo il mancato pagamento

Il precedente ISEE, la soglia che consente di accedere all’agevolazione, era fissato a 12mila euro (fino al 31 dicembre 2022), ma dal 2023 è stato aumentato a 15mila, ampliando quindi la platea di beneficiari. Per le famiglie con almeno quattro figli a carico il tetto ISEE resta invariato a 20mila euro.

Per accedere al bonus bollette si deve dimostrare il disagio economico presentando per ogni anno  la dichiarazione sostitutiva unica e ottenere l’attestazione dell’ISEE rientrante nella soglia stabilita dal Governo, oppure essere titolari di reddito o pensione di cittadinanza. Se il disagio è fisico è necessario presentare la domanda.

La novità introdotta dalla manovra riguarda la carta risparmio spesa pensata per chi percepisce un reddito annuale fino a 15.000 euro. Questa carta, gestita dai Comuni e utilizzabile esclusivamente nei punti vendita che aderiscono all’iniziativa, è sostanzialmente un’estensione della social card precedentemente destinata ai nuclei familiari maggiormente in difficoltà ad acquistare beni di prima necessità. La suddetta carta può però essere

La nuova manovra governativa ha portato da 100 a 200 euro al mese l’assegno unico per le famiglie numerose con 3 o 4 figli e ha previsto il bonus gemelli, 100 euro che si percepiscono fino ai 3 anni di vita dei gemelli stessi.

2 milioni per le bollette elettriche delle famiglie

Passare dal gas alle biomasse per impianti di piccole dimensioni offre delle agevolazioni fiscali. Una di queste è il bonus stufe a pellet destinato alla sostituzione di vecchie stufe con altre di nuova generazione. Quindi alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

Bonus stufa a pellet 2022

Le agevolazioni nel 2022 per l’efficientamento energetico degli impianti di riscaldamento.
Scopri alcuni esempi di interventi che possono essere detratti con l’Ecobonus 65% 50%, conto termico 2.0, superbonus 110%, Bonus Casa 50%. Per risparmiare sulla bolletta del gas la semplice manutenzione ordinaria della caldaia non è sufficiente, ma servono altre azioni che vanno nella direzione sia del risparmio energetico che della sostenibilità ambientale.

News su Telegram o WhatsApp

Ultime Notizie