16 Giugno 2024 19:31

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Quanto tempo serve per sfrattare un inquilino che non paga?

Condividi

Quanto tempo per sfrattare inquilino – Un affittuario che non rispetta le sue responsabilità e non paga l’affitto o le spese dovute potrebbe rischiare una procedura di sfratto. Quindi, cosa succede quando un inquilino riceve un avviso di sfratto per morosità e quanto tempo può essere necessario per affrontare e risolvere una situazione di morosità? Bisogna tener presente che nessuno è esente da una procedura di sfratto (lo sfratto può riguardare anche persone indigenti, famiglie con minori o individui a carico autosufficienti). Il tempo necessario per liberare una proprietà da un inquilino inadempiente può variare a seconda delle circostanze, ma raramente sarà breve.

Un inquilino che riceve un avviso di sfratto per morosità dispone di diverse alternative: Può saldare il debito prima dell’udienza, interrompendo in tal modo il processo di sfratto in corso, che non avrebbe più motivo di esistere; Può contestare lo sfratto, fornendo argomentazioni a sostegno delle proprie ragioni; Può richiedere un periodo di grazia, ovvero una proroga di 90 giorni per regolarizzare la propria situazione. L’inquilino in mora può richiedere questo periodo di proroga al massimo tre volte in un periodo di quattro anni.

Quanto tempo per sfrattare inquilino – La situazione diventa più complicata per l’inquilino se riceve un’ordinanza di sfratto. La consegna di tale ordinanza indica che lo sfratto è già stato convalidato e l’inquilino sarà obbligato a lasciare l’abitazione. Conseguenze dirette dell’ordinanza includono:

la risoluzione del contratto di affitto; l’impossibilità per l’affittuario di continuare a vivere nell’abitazione, anche se dovesse saldare quanto dovuto al proprietario.

I tempi di attuazione dello sfratto variano a seconda delle circostanze e della tempistica del sistema giudiziario. Di solito, viene concesso un periodo di tre settimane per rimuovere i propri beni e restituire le chiavi dell’abitazione.

Nel caso in cui l’inquilino non lasci l’abitazione, un ufficiale giudiziario sarà incaricato di intimargli l’abbandono della proprietà per due volte. Nel caso in cui sia necessario un terzo intervento, l’ufficiale giudiziario sarà affiancato dalle forze dell’ordine e da un fabbro per forzare l’ingresso nell’abitazione. Questa procedura non è veloce e può richiedere da pochi mesi fino a un anno per essere portata a termine.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile