13 Aprile 2024 13:43

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Mezzi e uomini del Soccorso Alpino impegnati inutilmente in Valmalenco

Condividi

Quando si chiama il 112 per chiedere soccorso, parte l’attivazione di tante persone, tra cui molti volontari, per diverse ore, con impiego e movimento di mezzi. Tra il pomeriggio e la serata di ieri, in Valmalenco, le squadre del Cnsas – Soccorso alpino e speleologico e del Sagf – Soccorso alpino Guardia di finanza sono state impegnate per diverse ore, in seguito alla richiesta di aiuto da parte di due escursionisti. Uno di loro aveva dolore a un piede e difficoltà a proseguire. Si trovavano nella zona tra il rifugio Bignami e il rifugio Carate Brianza.

L’attivazione è arrivata intorno alle 15:00. In base alle coordinate fornite, i soccorritori – una decina quelli impegnati nelle operazioni – sono partiti. L’elicottero messo a disposizione dalla GdF, arrivato da Varese, ha portato in quota alcune squadre e ha effettuato un sorvolo. Nel frattempo altre squadre territoriali hanno perlustrato a piedi i sentieri. Dopo il primo contatto, però, non è più stato possibile comunicare con gli escursionisti. L’elicottero ha continuato il sorvolo, mentre le squadre proseguivano sui sentieri; dal momento che non c’erano riscontri in prossimità della zona indicata dalle coordinate, le ricerche si sono estese su un’ampia area circostante. I due escursionisti intanto si erano spostati e stavano scendendo: in prossimità del rifugio, una squadra li ha individuati e allora i due hanno comunicato che non avevano più bisogno di aiuto. L’intervento si è concluso alle intorno alle 21:30.

Una decina di giorni fa, in Val di Mello, i soccorritori erano rimasti impegnati parecchie ore per un escursionista che aveva fatto scattare l’allarme; conseguentemente erano partite anche le ricerche. Toltosi d’impaccio per conto suo, non si era preoccupato di avvisare e quindi le ricerche si erano protratte inutilmente per più giorni.

Di certo, le difficoltà di comunicazione, dovute per esempio a una copertura telefonica assente o intermittente, complicano tutto. Se però ci si rende conto di non avere più bisogno di essere soccorsi, occorre avvisare prima possibile. I nostri soccorritori sono volontari e quando vengono attivati partono subito, lasciando temporaneamente tutte le proprie attività quotidiane: una valutazione scrupolosa, fatta con attenzione, prima di allertare i soccorsi, eviterebbe di distogliere persone e mezzi dal loro obiettivo principale, che è quello di salvare chi ne ha davvero necessità.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile