19 Luglio 2024 18:20

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

La corretta manutenzione del cappotto termico

Condividi

Operaio che installa un cappotto termico esterno in una casa in costruzioneManutenzione cappotto termico – Se è stato applicato un cappotto termico, è fondamentale eseguire una manutenzione periodica per assicurare la sua durata e le sue prestazioni ottimali.

Come ogni struttura, anche gli edifici con cappotto termico necessitano di controlli e ispezioni regolari, che permettono di effettuare riparazioni minori e prevenire danni di maggior entità.

La corretta manutenzione del cappotto termico – Anche con un cappotto termico applicato a regola d’arte, utilizzando prodotti testati e certificati e assicurandosi una progettazione e installazione adeguate, è indispensabile effettuare controlli periodici per monitorare lo stato dei materiali e del sistema di isolamento.

Questi controlli consistono in ispezioni visive, da effettuarsi ad intervalli ben precisi:

la prima 4-6 mesi dopo l’installazione del cappotto termico;
la seconda dopo un anno;
le seguenti ogni 2-3 anni. I primi due controlli sono utili per verificare la resistenza del sistema dopo un anno di variazioni stagionali.

La frequenza delle ispezioni successive varia in base alle particolari circostanze dell’edificio da monitorare, ovvero la sua localizzazione, struttura, il tipo di materiale isolante adoperato e la natura del rivestimento.

Manutenzione cappotto termico – Ecco quali sono gli elementi da controllare in un cappotto termico. Alcuni potenziali danni o problemi che potrebbero presentarsi in un sistema di cappotto termico

Contaminazione da muffe, alghe e funghi, che può essere dovuta a un’eccessiva umidità, accumulo d’acqua, esposizione al lato nord dell’edificio o vicinanza a vegetazione fitta.
Crepe, la cui gravità dipende dalla loro ampiezza: se inferiore a 0,2 mm non provocano infiltrazioni, mentre se di dimensioni superiori possono portare a infiltrazioni d’acqua e compromettere il sistema di isolamento.
Danni come rotture, gonfiori o distacchi, che possono essere causati da una resistenza insufficiente del materiale o da errori nell’installazione.
Insufficiente resistenza di connessioni e giunti.
Inadeguata resistenza all’acqua e allo sporco di elementi aggettanti come davanzali, parapetti e balconi.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile