Dicembre 4, 2022 20:54

Escursione ai laghi di Porcile in Valtartano


Continua la scoperta di itinerari in Valtartano. Lasciata la macchina a Rondelli (1.175 m) in Val Lunga, circa mille metri dopo il centro di Tartano, si imbocca il sentiero n. 117 che scende a destra.

Superato il ponticello di legno si risale il ripido versante della Val Lunga; il percorso è sempre ottimamente segnato con segnavia bianco-rosso. A quota 1.540 msi esce dal fitto bosco in prossimità di Baita Prima e si continua a salire sui prati arrivando così a Casèra Gàvet (1.726 m).

Proseguendo in direzione SSE si fa un lungo traverso che prende lentamente quota passando da Casèra Gavedino (1.843 m) e Casèra Gavedone. Superata la Valle del Gavedone, prima di giungere a Baita Piudìscia (1930 m/slm), si deve superare un tratto di un cinquantina di metri messo in perfetta sicurezza con delle catene.

Oltrepassata Casèra Scala e il piccolo corso d’acqua che scende dal laghetto Culderi si abbandona il n. 117 prendendo sulla destra un’esile traccia che sale a quota 2.083 m intercettando così il percorso dell’AV.

Si prosegue verso Baita Croce (2.040 m) e da qui, in pochi minuti, si raggiunge la croce del Passo Tartano (2.108 m) dove sono presenti ruderi e trincee della Prima Guerra Mondiale. Qui, semi nascosto nella roccia, c’è anche l’imbocco della galleria che porta alla postazione che permetteva di controllare la sottostante Val Lunga. Percorrendo verso Est la facile e breve cresta si scende sul GVO arrivando così ai tre laghi di Porcile; si passa per il lago di Sopra, poi dal lago Grande e dopo dal lago Piccolo (2.000 m).

Lasciati i percorsi del GVO e poi dell’AV si prende il sentiero n. 112 che scende a Baita Làres, a Casèra di Porcile (1.803 m/slm), si passa sopra a Baita Bianca e si giunge alla bella sorgente di Acqua Fràa (1.500 m/slm).

Si prosegue sull’itinerario dedicato a Suor Laura, poi si continua per Tégge, S. Antonio, Dòs dei Principi, Basìsc e arrivati a Cost (1.400 m/slm) si scende lungo un sentiero lastricato che sbuca presso la galleria artificiale di Pila (1.300 m).

Percorrendo poi la strada della Val Lunga si arriva in poco tempo al punto di partenza di Rondelli. Percorso (E) di 16 chilometri, dislivello positivo di 1.020 metri.
Giorgio Gemmi

Ultime Notizie