22 Febbraio 2024 04:06

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

False recensioni e comparazioni non autentiche, arrivano le sanzioni

Condividi

Importanti novità per i consumatori sul fronte di saldi, pubblicità ingannevole e pratiche commerciali scorrette dopo l’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri di un decreto legislativo che attua nell’ordinamento italiano la direttiva Ue 2019/2161.

Il decreto realizza una vera rivoluzione sul fronte di quelle pratiche che, grazie a web e social network, sono ormai diffusissime e in grado di dirottare ogni anno miliardi di euro, modificando le scelte dei consumatori.

Con le nuove norme saranno ingannevoli la mancata chiara indicazione di annunci pubblicitari a pagamento per ottenere una classificazione migliore dei prodotti; la rivendita di biglietti per eventi acquistati utilizzando strumenti automatizzati; l’utilizzo di false o non verificate recensioni dei prodotti false.

Questo significa che i comparatori online di beni e servizi (assicurazioni, telefonia, contratti luce e gas) così come chi realizza test comparativi di prodotti, dovranno non solo rivelare i parametri che determinano la classificazione delle offerte risultanti da una ricerca, ma anche indicare con chiarezza ai consumatori quando i risultati sono frutto di un accordo commerciale stipulato tra la piattaforma di comparazione e una società che figura tra quelle pubblicizzate dalla medesima piattaforma.

In tema di recensioni, sempre più usate dai consumatori nella scelta di beni e servizi da acquistare, saranno vietate quelle false, e gli operatori dovranno – pena pesanti sanzioni – dare indicazioni agli utenti circa le misura adottate allo scopo di garantire che le recensioni pubblicate siano effettivamente veritiere e provengano da consumatori che hanno acquistato o utilizzato il prodotto.

News su Telegram o WhatsApp
Scarica la nostra APP Android

Condividi

Ultime Notizie