Vi davano la casa in montagna gratis, ma ci dovevate andare a vivere

Condividi

casa montagna gratis Idea da copiare quella di Luserna
Iniziativa senza dubbio da prendere in considerazione per frenare lo spopolamento dei paesi montani periferici quella che nel 2020 ha visto protagonista Luserna, piccolo paese montano di 258 abitanti a 1.333 metri di quota in provincia di Trento. Località per molti versi simile ad alcune zone valtellinesi immerse tra boschi, prati e paesaggi incantati, ma con (nuovi) abitanti che latitano, nonostante siano in aumento le persone che cercano lavoro in montagna o sugli alpeggi. Il Comune trentino ha creato nell’estate 2020 un bando (ora scaduto) rivolto a quattro giovani nuclei famigliari (under 40), con o senza figli, che volevano mettersi in gioco e costruire un percorso di vita nuovo a Luserna.
I requisiti richiedevano in particolare un reddito minimo famigliare di sussistenza, residenza fuori dal territorio da almeno 2 anni, e far parte in modo attivo della comunità, richiedendo impegno sia nella creazione di un progetto di abitare collaborativo che di impegno nei confronti della comunità per favorire la nascita di nuove reti sociali che concorrano alla costruzione di patti fiduciari fra le nuove generazioni e gli abitanti dei territori. Il bando prevedeva la messa a disposizione di 4 appartamenti pubblici da arredare, con contratto di comodato a titolo gratuito (spese a carico del locatario) per un periodo di 4 anni. A fine 2020 le 4 giovani famiglie vincitrici si sono trasferite sull’altipiano, dove vivono tuttora. Chissà che qualche ente locale valtellinese prenda spunto da questa idea a la proponga anche alle nostre latitudini. Come in parte ha fatto Albaredo per San Marco, il paese che paga in servizi e opportunità per andarci a vivere


Ultime notizie