Dicembre 4, 2022 18:07

Caldaia a condensazione a zero euro


Passare alla caldaia a condensazione da una vecchio modello in pratica oggi non costa nulla.
Il 65% del costo, infatti, viene scontato subito in fattura dal rivenditore-installatore grazie all’Ecobonus. Il restante 35% lo si recupera facilmente, e velocemente, in bolletta, perché installando una moderna caldaia a condensazione si risparmia proprio fino al 35% di gas consumato in meno.

Caldaia a condensazione: vantaggi e risparmi

Ci sono molti motivi per passare a una caldaia a condensazione. Oltre a bonus e incentivi che possono rendere l’investimento più sostenibile si usufruisce di una diminuzione (fino al 35% in meno) dei consumi in bolletta.

Con i bonus una nuova caldaia, infatti, grazie allo sconto in fattura, previsto dal DL Rilancio, consente di risparmiare immediatamente il 65%, contando anche sul fatto che i costi dei materiali e delle tecnologie per realizzare le caldaie a condensazione continuano a ridursi.

Questo quando si installano modelli in classe A, o superiore, e sistemi di termoregolazione evoluta. Ricordando che in base al decreto sostegni ter la cessione del credito è valida una sola volta.

Senza dimenticare che Regione Lombardia incentiva la sostituzione di impianti di riscaldamento obsoleti a favore di caldaie a condensazione, senza dovere passare attraverso il superbonus 110% che prevede interventi trainanti e strutturali che comportino il salto di 2 classi energetiche dell’edificio oggetto dei lavori.

Questa tipologia di impianto è decisamente più efficiente (fino al 98% nei modelli di classe superiore) e conveniente rispetto alle caldaie tradizionali perché con il recupero dei fumi di combustione il calore si converte in energia producendo energia termica utile per acqua calda sanitaria e riscaldamento. Riducendo i consumi durante il suo ciclo di vita media che oggi è di 15 anni.

Tutto nasce dal recupero di un prodotto di scarto (il calore latente o residuo) che viene reinserito nel processo di riscaldamento, raggiungendo l’efficienza con temperature di esercizio basse, tra 40 e 50 gradi, dato che la temperatura alla quale condensa il vapore è 56 gradi.

Pro e contro di una caldaia a gas a condensazione

Il costo annuo per riscaldare una casa di medie dimensioni con una caldaia a gas a condensazione si aggira sui 2.500 euro, se la caldaia non è a condensazione circa 2.650 €.

Prima del caro bollette i costi ridotti del gas e della caldaia e il fatto di essere il sistema con minori consumi e quindi più conveniente lo hanno reso anche il più diffuso per l’uso domestico, nonostante il passaggio alla tecnologia a condensazione abbia comportato qualche attenzione in più come dovere gestire appropriatamente i fumi di scarico e l’acqua di condensazione.

Vantaggi
Accede agli incentivi statali.
Affidabilità e facilità di installazione e riparabilità.
Rispetto alle caldaie convenzionali offre riduzione delle emissioni e maggiore efficienza energetica.
Adatta sia a nuovi edifici che per l’ammodernamento di impianti esistenti.
Si combina facilmente con fonti di energia rinnovabili, una su tutte il sistema solare termico.

Svantaggi
La sua installazione è subordinata alla necessita di un idoneo sistema fumario.

Pro e contro della caldaia a biomassa

News su Telegram o WhatsApp

Ultime Notizie