Venerdì 03 dicembre 2021

Secam: in 18mila non pagano. Tariffe a rischio aumento

Condividi





Assemblea dei soci per SECAM, la società pubblica al 100% che si occupa di rifiuti e acqua per gli enti locali della provincia di Sondrio.
Il bilancio 2020 vede un +3% per il fatturato, valore della produzione sui livelli del 2019 e 39mile euro di utile dopo le tasse, 62,7 milioni di euro l’indebitamento finanziario netto (il 70% verso le banche).
A preoccupare inoltre l’aumento del tasso di morosità degli utenti, ben 18mila che non hanno pagato nel corso del 2020, salito dal 4 al 15% per quasi 10 milioni di euro da recuperare dai clienti.
I problemi di cassa e l’incertezza finanziaria sono ancora le maggiori preoccupazioni dei soci della società, dato che la tariffa dell’Ato non riesce a sostenere i costi degli investimenti e comincia ad aleggiare il possibile aumento dei costi a carico degli utenti attraverso l’incremento della tariffa dell’acqua. Al fine di coprire il disavanzo che Secam registra ogni anno, sceso da un massimo di 5 milioni di euro ai 3,8 milioni nel 2020. Altra ipotesi è quella di sospendere gli investimenti non essenziali.
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie