Novembre 26, 2022 16:22

Quanto costa ricaricare lo smartphone? E se resta in carica tutta la notte?


In epoca di caro energia anche le vecchie (e cattive) abitudini che sprecano risorse vengono prese in considerazione per risparmiare.
Una di queste sicuramente tocca tutti e riguarda lo smartphone lasciato collegato al caricabatterie durante la notte, anche dopo la ricarica completa quindi.
La domanda che molti si fanno riguarda il consumo energetico in bolletta di questa modalità di spreco quotidiana e generalizzata.

Riutilizzare le acque piovane in casa: vantaggi e funzionamento

Lasciare uno smartphone collegato alla corrente per tutta la notte significa usare inutilmente energia elettrica, del resto anche se la carica residua è minima qualsiasi smartphone (vecchio o novo) necessita di massimo 3 ore per completare l’operazione di ricarica. Del resto lasciarlo attaccato al caricabatterie più tempo del necessario succede spesso anche per dimenticanza o perché non sappiamo quanto costi effettivamente ricaricare un telefono e quindi non stiamo attenti.

Per dare un dato cercando in rete chi si è preso la briga di misurare il consumo per ricaricare un modello comune si può dire che unmo smartphone collegato al caricabatterie per tre ore consuma meno di 0,01 kWh. All’inizio della ricarica la potenza istantanea siaggira sugli 11 W e cala man mano che la batteria si carica per scendere a 1,5 W quando il telefono è carico.
Calcolando tariffe medie della corrente elettrica il consumo mensile di 0,30 kWh per ricaricare lo smartphone impatta in bolletta da 0,15 € a 0,20 € a seconda che siamo nel regime di maggior tutela o nel mercato libero.

Ruderi e terreni abbandonati: come diventarne proprietari

Anche calcolando di lasciare lo smartphone collegato per tutta la notte, in considerazione del fatto che una volta carico del tutto è sufficiente una potenza di 1,5 W per tenerlo al 99-100%, anche dimenticarlo non ha quasi nessun impatto in bolletta.

News su Telegram o WhatsApp

Ultime Notizie