Domenica 05 dicembre 2021

Nuovi requisiti e adempimenti per stufe, camini e caldaie a legna

Condividi





Regione Lombardia ha approvato una delibera (5360 11 ottobre 2021) che contiene le disposizioni per l’installazione, l’esercizio, la manutenzione, il controllo e l’ispezione degli impianti termici alimentati da biomassa legnosa.
Questa delibera nasce con l’obiettivo di offrire una disciplina organica ed esaustiva di tali impianti compresa la loro registrazione nel Catasto Regionale ed entrerà in vigore il 1° agosto 2022.
La corretta combustione del riscaldamento a legna
A quali impianti si applica?
Il provvedimento si applica a tutti gli impianti termici civili alimentati da biomassa legnosa presenti in Lombardia, con potenza al focolare fino a 3 MW. Tra gli impianti inclusi nella delibera ci sono anche quelli per la produzione centralizzata di acqua calda sanitaria e quelli di uso domestico, utilizzati anche per la cottura dei cibi: come termo-cucine e cucine economiche. Sono esclusi, tra gli altri, gli impianti con potenza al focolare singola o cumulativa inferiore ai 5Kw.
Il corretto utilizzo della legna come combustibile
Chi sono i soggetti interessati?
Il provvedimento è destinato in via prioritaria a tutti coloro che utilizzano, installano, manutengono, controllano e ispezionano tali impianti a biomassa legnosa usati per la climatizzazione degli edifici e/o per la produzione di acqua calda sanitaria ed eventualmente per la contestuale cottura dei cibi in ambito domestico.
Riscaldarsi a legna e pellet non distrugge i boschi
A chi spetta effettuare i controlli?
Le competenze in materia di accertamento e ispezione degli impianti termici civili sono confermate in capo ai Comuni con più di 40.000 abitanti e alle Province nel restante territorio, mantenendo in capo alla Regione il ruolo d’indirizzo e di coordinamento. In Valtellina l’unico ente a cui compete tale attività è la Provincia di Sondrio.
Accensione riscaldamento: le info utili
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie