Venerdì 03 dicembre 2021

Nuova truffa: finta mail di accredito da Poste e Poste Pay

Condividi





Migliaia di clienti di Poste e Poste Pay sono stati coinvolti da una nuova truffa.
Si tratta di addebiti di piccole somme, dai 4 agli 8 euro, che però non si limitano a singole transazioni, bensì vengono ripetuti anche fino a 10 volte al giorno.
Sembrano mail con richiesta di accredito da parte delle Poste e invece altro non è che un caso di phishing.
Se si prova a seguire le istruzioni per tale accredito ci si ritroverà di fronte ad una richiesta di inserimento dei propri dati bancari, facendo sì che i truffatori procedano all’esecuzione dei suddetti addebiti.
Poste e Poste Pay non chiedono mai i dati riservati dei clienti, come codici OTP e nome utente per effettuare transazioni. Dunque qualora vi si presentasse qualcuno, spacciandosi per un incaricato di Poste Pay e vi richiedesse tali informazioni, siete di fronte ad un tentativo di truffa’.
Come evitare di cadere vittima di truffe on-line:
acquistare solo da siti internet sicuri, protetti da sistemi di sicurezza internazionali, riconoscibile dalla presenza del lucchetto nella barra di indirizzo;
Acquistate solo da venditori sicuri: meglio se si tratta di un negozio, ma anche da privati assicurativi del feedback dello stesso, non comprate da venditori sconosciuti;
Attenzione alle offerte che sembrano esageratamente vantaggiose, potrebbero nascondere una truffa;
Controllate non solo il prezzo del prodotto, ma anche se comprensivo di spese di spedizione o tasse;
Controllate la data di spedizione, e verificata sempre da dove viene spedito il prodotto;
Conservate una copia dell’ordine effettuato, e verificate che esista la possibilità di disdirlo senza pagamento di penali;
Pagate o tramite paypal o carte prepagate (meglio evitare bonifici o carte di credito), e non comunicate mai i vostri dati personali, sia via telefono, sia via mail. Non inserite mai dati privati online.
Per tutti gli acquisti effettuati online vale la possibilità di esercitare il diritto di recesso, entro 14 giorni dalla data dell’acquisto;
Nel caso di recesso spetterà sempre il rimborso delle spese effettuate;
Andate sempre su siti conosciuti, non fatevi attirare da siti che si presentano con offerte incredibilmente vantaggiose.
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie