Venerdì 03 dicembre 2021

Contromano in Italia e Svizzera: scopri le differenze

Condividi





Seguendo il dibattito portato avanti dai lettori sui social riguardo ai contromano ai quali stiamo assistendo nelle ultime settimane, una delle opinioni più diffuse individua nella mancanza di sanzioni adeguate la chiave di volta.
Come sempre la verità non è mai una sola e sono tanti i fattori che influenzano i nostri comportamenti. Ma ci è arrivato un messaggio da parte di un lettore italiano, ma che vive in Svizzera da 40 anni, che colpisce nel segno, con riferimento all’ultimo contromano che ha visto proprio un cittadino svizzero autore dello sconsiderato gesto.
Laconico il concetto espresso e inviato. “Se il mio connazionale l’inversione di marcia l’avesse fatta in Svizzera (in un tratto che equivale a farlo in autostrada) il gesto sarebbe stato equivalente ad un tentato omicidio. Con annesso processo e condanna minima a 5 anni di carcere, con i benefici della condizionale solo se non si hanno precedenti penali. L’autista elvetico in questione in Italia se l’è cavata con il ritiro della patente ( peraltro solo in Italia) e 600 € di multa”.
La notizia del 17 novembre 2021
E’ un uomo residente in Svizzera il responsabile del contromano che, in transito sulla strada statale in  direzione Milano, improvvisamente, nella mattinata del 13 novembre, invertiva la marcia, percorrendo 1.500 metri contromano, per dirigersi verso Menaggio e poi Lugano.
L’evento è stato segnalato alla sala operativa della Sezione Polizia Stradale di Lecco che ha inviato una pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Bellano per controllare la segnalazione, ma senza successo.
Nel corso della giornata la Sottosezione di Bellano iniziava un’indagine di diversa profilatura finalizzata a identificare il veicolo segnalato, coinvolgendo per la ricerca il centro di videoregistrazione Urbano SELEA presso gli uffici della Polizia Locale di Morbegno.
Orientando l’indagine negli orari corrispondenti al transito della vettura segnalata, si individuava sull’impianto di videosorveglianza l’immagine di una Subaru Legacy, con targa straniera, diretta verso Menaggio in orari compatibili con la segnalazione.
Da indagini successive si riusciva ad individuare traccia di un ulteriore passaggio a Forcola sulla strada statale 38, che confermava la presenza della vettura poco prima del tratto in contromano.
Acquisite le informazioni necessarie per l’identificazione, grazie anche all’intervento di una pattuglia della Polizia Stradale di Sondrio, la vettura ricercata veniva intercettata sulla strada statale 38 e riaccompagnata al limite della provincia di Lecco per il completamento delle attività contravvenzionali.
Si ricostruiva quindi il fatto che l’automobilista, imboccata erroneamente la strada statale 36 in direzione sud, incurante del fatto che la carreggiata che stava percorrendo era a senso unico di circolazione, decideva di fare inversione e raggiungere in senso contrario lo svincolo per Menaggio.
Il contravventore è stato sanzionato con ritiro della patente di guida e inibizione del suo utilizzo in territorio nazionale.
Leggi anche:
Non si ferma la cronistoria delle auto contromano sulla statale 38
Scontro frontale per auto contromano alla rotonda di Morbegno
Ancora un’altra auto contromano nella tangenziale di Morbegno
Auto contromano sulla statale 38, frontale evitato per un soffio
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie