Sabato 04 dicembre 2021

Il racconto di un’escursione in Val Bona e Passo del Forno

Condividi

Mercoledì 27 agosto con il suocero Bruno ed il cognato Brix di Roma, ci siamo fatti un bel giro in una valle molto solitaria.
Da Chiareggio saliamo all’alpe Vazzeda inferiore, poi superiore quindi entriamo in Val Bona. Il meteo è decisamente variabile: raggi di sole si alternano a pioggerelle veloci ed a raffiche molto fredde.
La salita è piuttosto dura: si sale per pietraie quindi per nevai. Dopo poco più di 3 ore e mezza siamo al passo del Forno a quasi 2800 mt. L’idea originaria di scendere alla capanna Forno viene tralasciata dal clima piuttosto freddo e dai grandi nevai evidenti sul versante svizzero.
Decidiamo di scendere per la medesima via. Pranzo al sacco al pian delle marmotte e discesa verso Vazzada superiore dove poi ci spostiamo verso l’alpe Monterosso inferiore, quindi risaliamo all’alpe Dell’Oro per poi scendere a Chiareggio chiudendo una bellissima giornata che nel frattempo ha virato verso un meteo molto più estivo.
Alcuni dati: oltre 14 km e quasi 1400 mt di dislivello positivo in poco più di 7 ore.
Claudio Bormolini

Lascia un commento

*

Ultime notizie