Il biologico compie 30 anni





Vino, mele, ma anche ortofrutta: sono i segmenti di traino per il comparto biologico in Valtellina e Valchiavenna. Un settore che compie 30 anni ma il cui nuovo regolamento resta al palo. Quello attuale, relativo al “metodo di produzione biologico dei prodotti agricoli e all’indicazione di tale metodo sui prodotti agricoli e sulle derrate alimentari- (Cee) N. 2092/91” adottato dal Consiglio delle Comunità europee è datato, infatti, 24 giugno 1991.
Da allora i consumi nazionali sono cresciuti senza interruzioni ed oggi il biologico è nel carrello di circa sette famiglie su dieci (68%). Una domanda crescente che viene sostenuta dalla leadership dell’Italia che è il primo Paese europeo per numero di aziende agricole impegnate nel biologico dove sono saliti a ben 80.643 gli operatori coinvolti (+2%) che attendono l’approvazione della nuova legge che inizia l’iter finale alla Commissione Agricoltura della Camera.
I consumi domestici di alimenti biologici salgono alla cifra record di 4,3 miliardi di euro grazie alla svolta green e salutista degli italiani con l’emergenza Covid che ha determinato un aumento degli acquisti del 7% nel 2020 rispetto all’anno precedente: un segmento che segue un trend di crescita anche in provincia di Sondrio.
[youtube height=”169″ width=”300″]https://www.youtube.com/watch?v=ESA__7u3KzI[/youtube]
Il provvedimento, sostiene tra l’altro anche l’impiego di piattaforme digitali per garantire una piena informazione circa la provenienza, la qualità e la tracciabilità dei prodotti con una delega al Governo per rivedere la normativa sui controlli e garantire l’autonomia degli enti di certificazione.
A preoccupare è, infatti, l’invasione di prodotti biologici da Paesi extracomunitari, con 2,8 milioni di tonnellate di prodotto bio arrivate nell’Unione Europea nel 2020 con incrementi che vanno dal +33% per il riso al 40% per olio di oliva, dal 40% per i limoni al 51% per le arance.
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime Notizie