Venerdì 28 gennaio 2022

Fino all’Epifania non si prevedono nuove nevicate

Condividi

Dopo un paio di giornate tipicamente più invernali masse d’aria più miti ed umide si avvicinano alla catena alpina. Le temperature sono nettamente in crescita alle quote più alte dovute proprio alla ventilazione che si fa maggiormente sentire negli strati più alti e sui versanti, resistono i fondovalle dove l’inversione termica fa ancora il suo sporco lavoro. Ieri a Santa Caterina Valfurva (1740 m) c’erano -11°, alla Stella Alpina (2060 m) -1°, ben 10° di differenza in così poca distanza. Lo zero termico oscillerà molto nelle prossime giornate, tra i 1500 ed i 2500 metri, dalla metà della prossima settimana non sono esclusi picchi ad oltre 3500 metri, valori tipicamente estivi. Se non fosse per il sole basso con la sua attività ai minimi, avremmo una fusione molto accentuata. C’è da sperare che dopo l’Epifania le cose possano cambiare per noi amanti della neve.
Marco Trezzi

Ultime notizie