18 Maggio 2024 06:06

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Conto termico 2024, come funziona e cosa rientra negli incentivi

Condividi

conto termico 2024Conto termico 2024

Il Conto Termico rappresenta un incentivo cruciale offerto dallo stato per incentivare l’efficienza energetica negli edifici residenziali. Se stai considerando di sostituire la tua caldaia obsoleta con una più performante o di montare un impianto fotovoltaico, il Conto Termico può fornirti un sostanziale rimborso economico. Questo rimborso può coprire fino al 65% dei costi, offrendoti un importante supporto finanziario.

Contenuti del Conto Termico 2024

Il Conto Termico 2024 comprende un’ampia varietà di interventi mirati al miglioramento dell’efficienza energetica.

Le principali categorie di interventi finanziabili

Sostituzione degli Impianti di Climatizzazione: Questa categoria si focalizza sulla sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con soluzioni più efficienti, come caldaie a condensazione di ultima generazione. Inoltre, le pompe di calore sono anch’esse ammissibili agli incentivi.

Produzione di Energia da Fonti Rinnovabili: Il programma incentiva la produzione di energia termica attraverso l’utilizzo di fonti rinnovabili. Sono quindi incentivati gli impianti che utilizzano pompe di calore di alta efficienza, oltre all’installazione di generatori di calore alimentati da biomasse, anche per edifici rurali e serre esistenti.

Energia Solare Termica: Il Conto Termico 2024 offre incentivi anche per l’installazione di collettori solari termici, applicabili tanto a edifici esistenti quanto a nuove costruzioni, particolarmente in combinazione con sistemi di solar cooling.

Scaldacqua a Pompa di Calore: Per chi considera la sostituzione degli scaldacqua elettrici obsoleti, il Conto Termico 2024 propone incentivi per l’adozione di scaldacqua a pompa di calore, favorendo l’impiego di tecnologie energetiche avanzate.

BONUS ZANZARIERE

Come funziona il Conto Termico 2024?

Questo incentivo non si configura come una detrazione fiscale, bensì come un rimborso economico fornito dal Gestore Servizi Energetici (GSE), l’ente designato dallo Stato per amministrare questi incentivi. Per accedervi, è necessario presentare una domanda al GSE, che provvederà al rimborso dell’importo spettante. È importante ricordare che il Conto Termico è applicabile esclusivamente alla sostituzione di impianti esistenti con altri nuovi, e non si estende alle installazioni completamente nuove.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile