In 300 hanno corso la mezza maratona dei Laghi di Cancano

Condividi

Firme di prestigio per la nona edizione del Giro dei Laghi di Cancano, la maratonina disegnata a quota 2.000 metri intorno ai bacini idroelettrici A2A di Cancano e San Giacomo in Valdidentro, disputata domenica 31 agosto 2014 con l’organizzazione dell’US Bormiese e di A2A con la collaborazione di Parco Nazionale dello Stelvio e Comune di Valdidentro. Nomi che sono entrati nell’albo d’oro di una delle manifestazioni di spicco organizzate dalla società guidata dal presidente Pierluigi Spechenhauser.
A firmare questa nona edizione sono stati Eliana Patelli (Atletica Valle Brembana) con il tempo di 1.24’05” – alla sua terza vittoria dopo quelle del 2008 e 2011 – e Graziano Zugnoni (AdM Ponte Valtellina) che ha chiuso in 1.15’45” andando a centrale la prima vittoria nella maratonina di Cancano dopo una mezza dozzina di partecipazioni.
Le condizioni climatiche di questa estate decisamente avara di caldo e sole (e qualche concomitante evento) hanno frenato sino all’ultimo le iscrizioni alla mezza maratona Fidal che fa parte del Trittico Valtellina. Il comitato organizzatore, anche alla luce di questa situazione, ha deciso di tenere aperte le iscrizioni fino all’ultimo momento ed ha avuto ragione. Le adesioni, compreso il gruppetto dei bimbi che ha dato vita alla Cancano Sprint, hanno superato quota 300. Sono stati 176 i classificati nella mezza maratona Fidal; 45 i classificati nella mezza maratona non competitiva; 50 i classificati nella camminata amatoriale di 12 km.
I primi due km sono stati disegnati attorno al lago delle Scale e hanno lanciato subito la sfida con Graziano Zugnoni, Lorenzo Holzknecht (Altetlica Alta Valtellina), Luca Sanna (Adm Ponte) e Gianluigi Martinelli (Marathon Livigno) a fare l’andatura. Alle loro spalle il gruppo si è progressivamente sfilacciato con distacchi già importanti al passaggio sullo sbarramento di Cancano. Proprio la salita che dalla diga porta alla Chiesetta di Solena ha registrato l’attacco deciso di Zugnoni che ha lasciato i compagni di fuga incrementando progressivamente il vantaggio. Al primo passaggio sulla diga di San Giacomo Zugnoni aveva 30” di vantaggio sugli inseguitori; al secondo passaggio il vantaggio era salito a 1’25”. Sul traguardo posto di fronte alla palazzina A2A di Cancano, il portacolori dell’Adm Ponte ha completato la sua fatica dopo 1h 15’45. Lorenzo Holzknecht ha conquistato il secondo posto staccato di 2’07” mentre per la terza piazza Gigio Martinelli ha raggiunto e superato Luca Sanna, chiudendo a 2’51” dal vincitore.
Nella prova femminile Eliana Patelli ha messo il suo terzo sigillo su una gara che l’ha vista numerose volte presente e protagonista. Al primo passaggio sulla diga di San Giacono la portacolori dell’Atletica Valle Brembana aveva già 3′ di vantaggio su Gloria Giudici (Atletica Rovellasca, vincitrice della mezza maratona in salita Bormio-Stelvio del Mapei Day) e sulla punta di diamante del Marathon Club Livigno, Giovanna Confortola. Al secondo passaggio il gap era raddoppiato con Eliana che volava sul traguardo a raccogliere il suo terzo trionfo. Gloria Giudici e Giovanna Confortola hanno occupato la seconda e terza posizione a 6′ e 10′ dalla vincitrice.
Nella mezza maratona non competitiva Thomas Gianoli (Atletica Alta Valtellina) ha preceduto l’ex azzurro di biathlon Nicola Pozzi e Simone De Piazzi. L’ex fondista azzurra Francesca Rastelli ha vinto la prova femminile non competitiva davanti a Serena Viviani e Tatiana Pozzi.
Nella camminata di 12 km (circuito attorno al lago di Cancano), miglior tempo per Luca Cantoni che ha preceduto Andrea Prandi e Luigi Cristani. Simona Fazzini, Cinzia d’Ascenzo e Cecilia Cantoni hanno centrato il podio nella camminata femminile.
GRAZIANO ZUGNONI – “Dopo diverse partecipazioni è arrivata la vittoria. Mi sentivo bene, avevo buone sensazioni sin dall’inizio. Ho provato ad allungare sulla prima salita e poi ho tenuto il mio ritmo fino alla fine. Sono molto soddisfatto di questa vittoria”.
ELIANA PATELLI – “Questa gara mi piace per tanti motivi: per l’ambiente, per l’organizzazione ed anche perchè mi serve per verificare la condizione al termine di un periodo di preparazione in quota. Sono davvero molto contenta della mia terza vittoria, spero che come nelle precedenti occasioni mi porti fortuna nel finale di stagione”.
PIERLUIGI SPECHENHAUSER, presidente Usb – “Il successo delle manifestazioni organizzate dall’US Bormiese ha una spiegazione su tutte: il grande volontariato che sostiene tutti gli eventi. Uno sforzo per il quale ringrazio tutto coloro che si sono dati da fare in questa, ma anche in altre occasioni. Grazie a tutti i partecipanti, giunti da tutta Italia, grazie alle società presenti all’evento e grazie ai nostri volontari”.
Fonte: US Bormiese

Lascia un commento

*

Ultime notizie